Monthly Archives: aprile 2017

Notizie Curiose sui Crinoidi

Di recente abbiamo condiviso alcuni video di Crinoidi che fluttuano liberamente nell’oceano. È ipnotico guardarli, e i video che abbiamo condiviso hanno suscitato grande interesse su queste curiose creature. Ecco qui alcune notizie interessanti sui Crinoidi.

Non sono stelle di mare

Sono, invece, imparentati sia con le stelle marine che con gli echinodermi. Come le stelle marine, i Crinoidi di solito, hanno 5 braccia a simmetria radiata.

Non sono piante

Nonostante la loro somiglianza ai fiori, non sono piante. Sono echinodermi – animali che si caratterizzano per la loro superficie spinosa e ispida e la simmetria radiata a 5.

È più semplice che tu possa trovare un crinoide fossile piuttosto che un crinoide vivo

I crinoidi oggi sono relativamente rari sebbene un tempo fossero tanti e di tante varietà.

Crinoids fossil

I crinoidi sono vecchi…veramente tanto vecchi

I crinoidi sono comparsi nel periodo Ordoviciano – 490 milioni di anni fa! I paleontologi, comunque, pensano che potrebbero essere persino ancora più vecchi.

Stelle Marine Piumate contro Gigli di Mare

Conosciamo circa 700 specie viventi di crinoidi. Generalmente, si trovano in due forme. Quelle che hanno lo ‘stelo’ e quelle che hanno perso il loro stelo perché sono adulte. I crinoidi che hanno uno ‘stelo’, spesso sono dei Gigli di Mare perché somigliano a un fiore. Spesso il loro stelo può ancorarli al fondo del mare. Coloro che sono senza il gambo – Stelle Marine Piumate, fluttuano liberamente nel mare.

Mangiano con le loro mani

Beh, delle specie di mani. Un crinoide ha delle piume che sembrano braccia con un muco appiccicoso che intrappola il cibo che capita che stia passando di là\   . Allora, i piccoli piedi a tubo che coprono le braccia, passano le parti di cibo al centro del braccio e da lì viene trasportato alla bocca.

Crinoids

Non conoscono confini

I crinoidi in genere si trovano in acque più profonde dei 200 metri, ma qualche volta la varietà senza stelo è stata vista fluttuare in acque molto più basse.

Volete vedere questi ragazzi dal vivo? Il modo migliore è di cominciare a immergerti oggi e potresti essere abbastanza fortunato da vederne uno.

Malta: attraverso la Finestra Azzurra

Una settimana fa la leggendaria Finestra Azzurra, conosciuta anche come la Finestra di Dwejra, è crollata a Malta. Dopo essere rimasta sospesa per 500 anni nella Baia di Dwejra, tra due grotte di mare erose, questa meraviglia naturale ha dato il benvenuto, per anni, a un infinito di numero di visitatori; un ingresso unico verso Malta, e uno scenario pieno di vita.

Diventò famosa nel 1981 quando apparì nel film Scontro tra Titani e, più recentemente, nel primo episodio del Trono di Spade. La Finestra Azzurra era una delle destinazioni turistiche principali a Malta e molte persone hanno sfruttato i social media per condividere la loro tristezza e le loro storie su questo paesaggio da favola.

Perere la Finestra Azzurra è dura…

Quindi abbiamo pensato di poter rallegrare la giornata delle persone dando una sguardo da più vicino alle altre cose che le isole maltesi ci possono offrire…

Clima Caldo Tutto l’Anno

Malta si trova nel cuore del Mediterraneo occidentale, ed è una delle poche destinazioni subacquee che hanno acqua mite tutto l’anno. La temperatura dell’acqua è piacevole da Dicembre ad Aprile, sui 15-17°C/58-63°F e sui 18-25°C/65-77°F da Maggio a Novembre. Sopra l’acqua il clima è considerato il migliore al mondo, con estati secche e calde e inverni brevi e freschi. Le temperature dell’aria sono in media sui 10-15°C/50-59°F a Gennaio e sui 21-30°C/70-83°F a Luglio.

50+ Siti Subacquei

Se l’acqua mite tutto l’anno non è abbastanza, allora probabilmente i 50+ siti subacquei lo potrebbero essere. Variano da baie protette a immersioni profonde per esperti, offrendo qualcosa a subacquei di tutti i livelli. Ci sono anche più di 25 relitti subacquei da esplorare; da quelli della Seconda Guerra Mondiale pieni di storia, ai più recenti che affondando hanno creato dei reef artificiali.

Vita Marina

I siti subacquei maltesi abbondano di specie marine da vedere. Aspettati di incontrare barracuda, alcune delle cernie più grandi del Mediterraneo, razze, pesci cardinali e pappagallo. Le grotte calcaree e gli anfratti rocciosi sono anch’essi le residenze ideali di murene, polpi, calamari e gronghi. Nel periodo estivo per Malta è tempo di cavallucci marini, ma queste bellissime creature sono piccole e maestri di camuffamento, quindi sfida la tua guida subacquea a trovarne uno.

Per maggiori informazioni sulla Leggendaria Vita Marina e sulle immersioni top di Malta clicca qui.

Altri Interessi

Gozo si pensa sia l’isola in cui la ninfa Calipso tenne prigioniero Ulisse nell’Odissea di Omero. Ospita anche una delle strutture sospese più vecchie al mondo tra cui i templi di Ġgantija ed è rinomata per i suoi ‘Karnivals’ che vengono celebrati durante l’estate.

Per saperne di più sulle immersioni a Malta visita la nostra pagina dei Viaggi Subacquei qui.

7 Cose da Sapere sulle Buste di Plastica che Cambieranno il Tuo Modo di Usarle

Cos’ altro possiamo aggiungere sulle buste di plastica e su quanto siano pericolose per l’ambiente. Tutto è già stato documentato e ben attestato – ancora nel mondo, ogni secondo, vengono utilizzate 160.000 buste di plastica. C’è bisogno di un cambiamento: quindi mettiamo insieme alcuni dati che cambieranno il tuo modo (e quello dei tuoi amici) di utilizzare le buste di plastica (e con la speranza di smettere di utilizzarli del tutto).

Ogni secondo, 160.000 buste di plastica vengono utilizzate in giro per il mondo.

Ok, l’ho già detto nell’introduzione, ma pensa solo a quanto è grande questo numero. E succede ogni singolo secondo. Tutti insieme, si arriva fino a un trilione di buste di plastica che vengono consumate annualmente.

La quantità di petrolio che viene utilizzato per produrre una busta di plastica corrisponderebbe alla quantità contenuta in una macchina lunga 11 metri (36 piedi).

Potrebbe non sembrare molto, ma certamente è un numero che cresce velocemente. La quantità di petrolio usata per produrre dieci buste di plastica può essere contenuta in una macchina lunga quanto un campo di calcio – avete capito cosa intendo, cresce velocemente. Le distanze di cui stiamo parlando sono piuttosto grandi.

Una busta di plastica viene utilizzata per una media di 12 minuti.

Dodici minuti. Non c’è molto da dire su questo punto. Dopo 12 minuti di utilizzo, in genere viene buttata. In effetti, meno del 3% delle buste di plastica vengono riciclate in giro per il mondo. Una volta che vengono gettate, le buste di plastica resteranno nell’ambiente per 1000 anni prima di decomporsi!

267 diverse specie di animali sono state colpite dai rifiuti marini.

Sappiamo che non riguarda solo le buste di plastica, ma il 90% dei rifiuti marini sono costituiti da plastica (che sia di un tipo o di un altro). Se non avete visto il video di National Geographic su come ci si sente ad essere intrappolati in una busta di plastica, date un’occhiata ora.

Le buste di plastica sono tra i 12 rifiuti più presenti durante i clean-up sulle coste.

Secondo il Centro per la Conservazione Marina, organizzazione no-profit, le buste di plastica sono tra i primi 12 rifiuti più trovati comunemente durante i clean-up lungo le coste. Tra tutte, questa è una delle ragioni principali per ridurre il loro utilizzo.

Se dovessimo mettere insieme tutte le buste di plastica del mondo, si circumnavigherebbe il globo per 4.200 volte.

È vero, non una due volte ma 4.200 volte!

Se solo una persona utilizzasse buste di plastica riciclate nel corso della propria vita, verrebbero rimosse 22.000 buste di plastica dall’ambiente.

Quella persona potresti essere tu. E se condividi questa informazione con i tuoi amici, potremmo vedere un’enorme riduzione della quantità di buste di plastica gettate nell’ambiente.

Malaysia

La Malesia dai Tanti Talenti

Malesia

Immagina acque cristalline che circondano bellissime isole dalle spiagge bianche e incontaminate. Immagina palme di cocco che oscillano dolcemente, brezze tropicali, e come sfondo foreste pluviali verdi e lussureggianti – questa è la Malesia. Per i subacquei, la biodiversità della Malesia è a dir poco sbalorditiva. Il Paese è diviso in due parti – la penisola malese, che confina con la Tailandia meridionale, e il Borneo malese, che è composto da un terzo della parte settentrionale della terza isola più grande al mondo. Le possibilità di immergersi sono tanto numerose quanto le diversità culturali del Paese.

Attorno alle isole tropicali c’è un’incredibile scelta di siti d’immersione e di spiagge da scoprire. Puoi scegliere tra una grande varietà di paesaggi subacquei tra cui reef degradanti, pinnacoli e giardini di corallo, per ogni tipologia d’immersione: profonde, in corrente, su relitti, in grotta e su pareti. Le immersioni su pareti sono rinomate in tutto il mondo, e si caratterizzano per le oltre 3.000 specie marine, e qui si trovano i migliori siti d’immersione al mondo per le macro. Dalla Penisola malese, puoi arrivare alle isole Perhentian, dove si trovano altissimi pinnacoli sommersi, e l’Isola di Redang che ha tra i giardini di corallo più estesi al mondo. L’isola di Tioman, a largo della costa orientale della penisola, ha maestose formazioni coralline e relitti profondi ideali per i subacquei tecnici.

Immersioni Principali

  • Pulau Sibuan, Semporna – Pulau Sibuan è abitata solamente da alcune famiglie Bajau ed è una delle poche isole e dei pochi reef che è possibile visitare in giornata da Semporna. Qui le magnifiche muck diving qualche volta sono trascurate a favore di siti più rinomati. Ma Pulau Sibuan, che si trova all’interno del Parco Marino di Semporna, è il posto ideale dove poter vedere i pesci mandarino, nudibranchi e una miriade di pesci simili.
  • Tunku Abdul Rahman Park, Kota Kinabalu – Qui le specie macro sono il richiamo principale per i subacquei, ma si possono incontrare occasionalmente anche squali di barriera, tartarughe e razze. Il periodo migliore è tra Marzo e Aprile, quando fanno il loro passaggio gli squali balena.
  • Il Relitto di Atago Maru, Miri – Questa nave mercantile giapponese, della seconda guerra mondiale, è lunga 105 metri/345 piedi e giace dritta sul fondo, e la sua sovrastruttura si trova ad appena 10 metri/33 piedi dalla superficie. Il suo scafo è ricoperto di corallo e ospita murene mentre banchi di carangidi e barracuda cacciano nelle vicinanze.
  • Tiger Reef, Tioman – Questo pinnacolo sommerso si trova ad una profondità media di 15 metri/50 piedi ed ha delle bellissime formazioni coralline, crinoidi, alcionari e gorgonie. Le forti correnti richiamano grandi banchi di carangidi, sgombri, barracuda e si possono vedere i carangidi arcobaleno in quasi tutte le immersioni. Inoltre gironzolando per i canyon si possono vedere pesci di barriera, razze, murene e pesci leone.
  • Relitto Sugar, Isole Perhentian – Questa grande nave cargo è affondata durante un monsone nel 2000 e ora giace su un fianco a 30 metri/100 piedi di profondità. Coralli e vita marina l’hanno velocemente ricoperta ed ora ospita pesci di barriera, barracuda e squali bambù che amano nascondersi nel relitto. Numerosi banchi di dentici e carangidi nuotano intorno allo scafo.
  • Relitti dells Seconda Guerra Mondiale, Kuching – Ci sono molti relitti di navi giapponesi a largo della costa di Kuching, che furono affondate da sottomarini olandesi. Tra queste il Katori Maru, molto danneggiata e l’intatta Hiyoshi Maru. Entrambe i relitti giacciono a circa 20 metri/65 piedi di profondità e sono colonizzate da diverse specie marine: barracuda, pesci pipistrello e dentici.
  • Pulau Lima, Redang – Questa secca sommersa, a largo di Pulau Lima, ha incredibili formazioni rocciose che scendono a 30 metri/100 piedi. La corrente attira grandi pelagici, quali mante e squali balena. Potete anche vedere tonni, barracuda, cernie e squali pinna nera. Coralli molli e duri, gorgonie, anemoni di mare e giardini di coralli frusta abbondano.
  • Pulau Saga, Lumut – A poche ore di auto da Kuala Lumpur, a Pulau Saga, ci sono alcune immersioni eccezionali per la vita macro. Qui i subacquei possono vedere a basse profondità nudibranchi, cavallucci marini e anemoni che ospitano pesci pagliaccio. Pesci balestra e trigoni maculati nuotano lungo le barriere coralline e miriadi di pesci di barriera come i fucilieri, i pesci scatola e idoli moreschi popolano queste acque protette.

Vuoi saperne di più? Visita ScubaEarth® per ricevere maggiori informazioni su migliaia di siti subacquei, specie marine, informazioni sulle destinazioni e molto di più.

Informazioni Subacquee

Visibilità – Dipende dalla zona e dal periodo dell’anno, la visibilità varia dai 10-40 metri/30-130 piedi.

Temperature dell’Acqua – Essendo vicino all’equatore, puoi contare su temperature dell’acqua che vanno dai 26-30º C/80-85º F tutto l’anno.

Meteo – Il clima, in Malesia, è tropicale con temperature dell’aria medie sui 21-32º C/70-90º F. La stagione umida va da Novembre a Marzo, e può cambiare le condizioni subacquee, ma nonostante ciò ci si può immergere tutto l’anno.

Fauna Tipica – Incontrerai tartarughe, tartarughe e tartarughe quasi ovunque. Potrai inoltre vedere squali di barriera, banchi di barracuda, carangidi, pesci pappagallo con corno, pesci Napoleone, carangidi arcobaleno, pesci imperatore, cernie, pesci pipistrello, sgombri, razze, pesci scatola, pesci leone, anguille di sabbia e murene. Tra gli avvistamenti comuni ci sono i pesci angelo, i pesci farfalla, dentici, pesci balestra, pesci palla, gamberi, nudibranchi, polpi blucerchiati, polpi imitatori, pesci mandarino e cavallucci marini.

Corsi Raccomandati – Segui i corsi PADI Peak Performance Buoyancy e PADI Deep Diver per aiutarti ad avere un assetto perfetto, senza sforzo, durante le tue immersioni in parete a Sipadan. Il corso PADI Digital Underwater Photographer è un must per catturare la bellezza del posto. La Malesia sta diventando una destinazione subacquea tecnica, perciò se sei interessato dai un’occhiata ai Corsi PADI TecRec, tra cui il corso PADI Rebreather Diver. Nella bellissima Malesia puoi anche diventare un Professionista PADI facendo il tuo corso PADI Divemaster , il corso Assistant Instructor oppure il programma Open Water Scuba Instructor.

Informazioni di Viaggio

Nota – Un viaggio verso qualsiasi destinazione può essere colpito da situazioni avverse (ma non solo) come le condizioni di sicurezza, i requisiti di entrata e uscita, condizioni sanitarie, leggi locali e cultura, disastri naturali e climatici. A prescindere dalla tua destinazione, controlla la sezione riguardante gli avvertimenti ai viaggiatori o il sito del Ministero degli Affari Esteri se ci sono consigli sulla destinazione che state pianificando di andare a visitare e ricontrolla di nuovo poco prima di partire.

Lingua – Il Bahasa Malaysia è la lingua nazionale, ma l’inglese è parlato quasi ovunque. Sono anche comuni diversi dialetti cinesi e l’hindi.

Moneta – La Malaysian Ringgit. Le carte di credito sono accettate nelle città e negli hotel, ristoranti e negozi più grandi.

Aeroporti Principali – Ci sono gli aeroporti internazionali a Penang (Penang International Airport), a Johor Bahru (Senai International Airport), Kota Kinabalu (Kota Kinabalu International Airport), Kuching (Kuching International Airport) e a Langkawi (Langkawi International Airport).

Elettricità e Internet – 240 volts, 50 Hz. Internet è presente nelle città e nella maggior parte delle zone turistiche.

Attrazioni ‘asciutte’ – Visita le torri più alte al mondo a Kuala Lumpur, i parchi dello Stato di Sabah e scala il Monte Kinabalu, visita il Santuario degli Orangotanghi a Sepilok vicino a Sandakan, vai per grotte nel Parco Nazionale di Gunung Mulu, vai a visitare le culture antiche nei villaggi della giungla, fai un tour tra i templi assaliti dalle tante scimmie in giro per il Paese o esplora le giungle del Borneo.

Link informativi:

tourism.gov.my

geographia.com/malaysia

Prenota Ora

Localizza un PADI Dive Shop in Malesia